Omertà: silenzio, paura ma non condivisione. I risultati di una ricerca sul campo

Melorio Simona

12.00

12.00

COD: 9788868663407 Categoria: Tag:
Loading...

Descrizione

La parola omertà è uno degli equivoci più duraturi e tenaci nella storia delle mafie, una delle interpretazioni più tendenziose. Quando si usa la parola omertà molti, soprattutto fuori dal Sud, ritengono che chi tace agli interrogatori della polizia o in tribunale lo fa perché in fondo condivide le ragioni dei mafiosi, sta cioè dalla loro stessa parte e di conseguenza è anche esso un potenziale mafioso. Questa ricerca dimostra che non c’è riscontro di una diffusa predisposizione dei meridionali a non collaborare con la legge e la giustizia in reati per i quali non debbano temere una ritorsione. Anzi tra Nord e Sud c’è una sostanziale uniformità di comportamenti nelle denunce alle autorità. La scelta del silenzio, dunque, non è di condivisione delle idee mafiose, ma è frutto di un comportamento ‘razionale’
in rapporto alle conseguenze nel caso si collabori con le forze dell’ordine.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Omertà: silenzio, paura ma non condivisione. I risultati di una ricerca sul campo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *