Nina De Padova. Dalla filodrammatica al teatro di Eduardo

Kunst Antonio

18.00

18.00

Loading...

Descrizione

“J’ai deux amours”, canta Josephine Baker all’inizio degli anni Trenta, quando Nina De Padova manifesta la sua grande passione per il teatro declamando poesie dialettali o improvvisando scenette per familiari e amici. Ma Nina di amori ne ha ben più di due: il marito Antonio, anzitutto, ma anche la famiglia, il teatro, Napoli… E con il sostegno di Antonio, anche lui appassionato di recitazione, verso la fine della guerra fonda una filodrammatica che porta in scena lavori di Scarpetta, Di Giacomo, Murolo, Bovio; sempre grazie al marito, sottufficiale dell’Esercito, ha l’opportunità di rappresentarli davanti al pubblico partenopeo, dapprima presso la Casa del Soldato e in seguito nel teatro del Circolo Ufficiali, dove comincia a guadagnarsi una certa notorietà. Un giorno, però, il suo benevolo destino le offre una seconda opportunità, e stavolta gliela porge su un piatto d’argento: in platea c’è qualcuno che la nota e che rimane colpito dal suo modo di recitare.
Se non portasse il nome che porta, sarebbe solo uno dei tanti impresari teatrali in cerca di nuove leve. Ma quel qualcuno si chiama Eduardo De Filippo, già da un pezzo conosciuto come Eduardo tout court, e allora le cose cambiano: per Nina è giunto il momento di ripensare la propria carriera. È l’inizio di una collaborazione durata più di dieci anni, che la porterà a interpretare due ruoli da primattrice (sarà la prima Concetta Cupiello ad approdare sul piccolo schermo), nonché alcune deliziose caratterizzazioni – come l’anima dannata di Questi fantasmi! o la confidente di Filumena
Marturano – per cui viene ricordata ancora oggi. Questa biografia nasce grazie ai racconti dei familiari della De Padova, le uniche persone in grado di ricostruire la vita di un’attrice tanto  esuberante sulla scena quanto riservata dietro le quinte: pur arrivando nella compagnia di Eduardo con una lunga esperienza teatrale alle spalle, Nina non accennerà mai alla sua attività di capocomico né alle circostanze dell’incontro artistico con il grande commediografo napoletano. E resterà sempre nel cuore di De Filippo – nel cuore di quel burbero Direttore che era venuto al mondo insieme a lei, nello stesso giorno e nella stessa città.

Con testimonianze di Anna Maria Ackermann, Giulio Baffi, Antonio Casagrande, Giuliana Gargiulo, Hilde Maria Renzi.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Nina De Padova. Dalla filodrammatica al teatro di Eduardo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *