Inseguendo Orlando. Un pretesto per rileggere il “Furioso”

Grimaldi Emma

35.00

35.00

COD: 9788868661342 Categoria: Tag:
Loading...

Descrizione

Il volo dell’ippogrifo non sfiora la sommità del cielo. Si mantiene rasente ai rami degli alberi. Dalla media altezza, che è poi quella ben nota “certa distanza”, il poeta che lo guida può guardare con la sua ironia le cose del mondo, inquadrandole in una visuale a più ampio raggio. Senza perdere di vista, però, le passioni, le debolezze, le contraddizioni inerenti i destini degli uomini, riuscendo a perfezionare il gioco interattivo fra il dispiegarsi della più sbrigliata fantasia e il sostegno di una logica sempre inattaccabile. Poi verrà il tempo in cui l’ippogrifo sarà dismesso. Uscirà dalla scena del racconto, quando la normalizzazione avrà il sopravvento e di viaggi straordinari non ci sarà più bisogno. Sarà il tempo in cui anche Orlando, finalmente rinsavito, decadrà a pura presenza di sfondo, mentre l’assolutezza del primo piano toccherà a chi, del romanzo/mondo ariosteo, deve garantire la dimensione eziologico/encomiastica. È stato davvero il personaggio eponimo lo specchietto per le allodole del cui protagonismo Ariosto intendeva convincerci, o è solo colui che nella vasta polifonia in simultanea, mantiene un ruolo preminente a termine, destinato a esaurirsi proprio quando il paladino non è più furioso? Su un simile quesito questo libro s’interroga, senza trovare risposta, ma limitandosi a segnalare, in un percorso di lettura totale, il dato di fondo dell’incongruenza profonda, che nella modernità, di cui Ariosto è voce prioritaria, governa il mondo e la letteratura.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Inseguendo Orlando. Un pretesto per rileggere il “Furioso””

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *