Esiste una filosofia della nostra America?

Salazar Bondy Augusto

Michele Porciello (a cura di)

20.00

20.00

Loading...

Descrizione

L’originalità, l’esistenza di un pensiero filosofico ispanico ancora oggi in alcuni ambienti filosofici nostrani, ma non solo, sono messi in dubbio. Un dubbio determinato, spero, da una scarsa conoscenza della storia della filosofia in lingua spagnola. O, forse, dalla persistenza del pregiudizio heideggeriano per cui un filosofo in lingua spagnola è come un torero tedesco. Sicuramente, la traduzione di questo libro del filosofo peruviano Augusto Salazar Bondy (1925‐1972) potrà contribuire, nonostante la sua brevità, a far conoscere questa storia e a far cambiare idea. Augusto Salazar Bondy è considerato uno dei più importanti filosofi peruviani e uno dei più autentici esponenti del pensiero filosofico latino‐americano che, con le sue analisi, ha reso più rigorosa la riflessione filosofica ispano‐americana. Le correnti filosofiche che lo hanno formato sono state la fenomenologia, il marxismo, la filosofia analitica, ma il risultato di questi studi è stata la proposta di un programma filosofico tendente contemporaneamente a integrare e a superare proprio quelle filosofie che lo stavano formando perché considerate dominanti. Infatti, proporrà una filosofia della liberazione come corrente tercermundista, che doveva superare i limiti imposti dalla filosofia proveniente proprio dall’Europa e dal Nord‐America. Tra i suoi libri più importanti, oltre a ¿Existe una filosofía en nuestra América? (1968), ricordiamo En torno a la educación (1965), Historias de las ideas en el Perú contemporáneo (1965) La educación del hombre nuevo (1976), Bartolomé o de la liberación (1977).

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Esiste una filosofia della nostra America?”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *