Naploitation. Napoli, la tradizione e l’innovazione

Demarco Marco

12.00

12.00

Loading...

Descrizione

Ci siamo persi la Piedigrotta e non abbiamo ancora il museo di Totò.
C’era una volta la canzone napoletana classica e non c’è nulla per ricordare Enrico Caruso. Perfino Masaniello crea ancora disagio. Per non parlare di Achille Lauro, demonizzato più che studiato. Aver negato valore alla napoletanita`, averla sacrificata sull’altare della lotta politica e aver sollevato steccati nei confronti di artisti come Gemito, di scrittori come Di Giacomo e addirittura di autori “piccoloborghesi” come De Filippo o “popolari” come De Crescenzo, ha privato Napoli di un patrimonio simbolico condiviso. Il risultato è un vuoto da colmare. Questo libro legge criticamente (ma anche autocriticamente) le teorie sulla napoletanità come vicolo cieco. E con ricordi, aneddoti e riflessioni avanza idee per viverla laicamente come un’opportunità. La Naploitation (Naples+exploitation) è tra queste.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Naploitation. Napoli, la tradizione e l’innovazione”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *